FAVORITE LINKS




Italian Restaurant Guide for St. Louis
Eating out? Check it here

ST. LOUIS ORGANIZATIONS

Italiano per piacereLogo di Italiano per piacere
Socio-cultural, to promote the Italian language.  Meets every other month, Italian speaking only

Italian Club of St. LouisItalian Club of St. Louis Logo
Socio-cultural, meets to discuss subjects of interest to the Italian- American community

Italia America Bocce Club LogoItalia America 
Bocce Club
St. Louis' Bocce Club,
since 1975

UNICO - St. Louis Chapter
Unico National LogoChapter of US service org, fund raisers for local charities
ARCHIVES

Hill 2000 Logo
Hill 2000
The neighborhood organization of "the Hill"


Sicilian Cultural AssnSicilian Cultural Society of St. Louis Logo
Socio-cultural, meets monthly to promote the Sicilian heritage

FIAO
Special interest. Organizational and support activities for local I-A events

Fratellanza Society LogoFratellanza Society
Fraternal organization to promote unity between Italians and their adopted country

Societa` di Mutuo Soccorso Maria SS. della Misericordia LogoMisericordia Society
Preservation of  the Italian culture to the community

Italian Community Band of St. Louis

Cheltenham Lions
Columbus Day Corp.
I.P.C. Bosco Boys
Italian American Bar Assn
Italian Americans of SW IL
Knights of Columbus
North County I-A Seniors
PBM
Red White & Green, Inc.
St.L-Bologna Sister City
St. Louis Italian Open


Great exposure
Great exposure, large targeted audience



Copyright © 1997- Present
ItaliaUSA All rights reserved
News in ItalianNews in ItalianELEZIONI POLITICHE 2018
VAI ALLA PAGINA DEI CANDIDATI


Elezioni politiche italiane del 4 marzo 2018
A true, biased and possibly irreverent view


   All Italians regularly registered with AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero) should receive a thick election ballot envelope on or about February 14, 2018. In the envelope you will find the two ballots, one for the Senate and one for the Camera, a white envelope, a pre-addressed return envelope, an accompanying letter with a tear off registration coupon and instructions on how to vote. Follow the instructions carefully and make sure that you mail the return envelope so it arrives to the Chicago Consulate no later than the morning of March 1. Not mailed by, mind you, postmarks do not mean anything here, it must actually arrive by March 1 and it is up to you to figure out how long it will take the Post Office to make the delivery. If you need help with this entire process give somebody a call. If you do not receive your ballots by the given date you must contact the Chicago Consulate and request a duplicate be sent to you.
   That was the simple part; the hard part is going to be who you are going to vote for. At this writing, the ballot should contain 9 (nine) political party symbols for the Camera and 7 (seven) for the Senate. There will be at least 25 (twenty-five) candidates for the Camera and at least 13 (thirteen) candidates for the Senate. You will have to select 2 (two) candidates for the Camera and 1 (one) for the Senate and write their names next to their party symbol. Also place a cross or an X on that same party symbol. If you pair a candidate name to the wrong party symbol your ballot will be void. If you need help with this entire process give somebody a call.
   Again, how to vote was the simple part, and unless you are fairly well versed in Italian politics, the hard part will be how to choose your Party and your candidates. In America we employ the KISS principle (Keep It Simple Stupid) as we have only 2 parties to choose from, Democrat or Republican; ok there is a third party too but for most of us we can disregard that one.
   For this election you will have to pick one of nine parties, not so easy now is it? Let’s see if we can apply some of KISS over here. Let’s start by process of elimination and remove some that do not have much of a chance to get anywhere. You see, we want our vote to mean something, don’t we? Unless you are the type who must vote for an ideal, like for example “Free Flights to Italy ”…  Yup, it’s on your ballot; the name describes their program and if you think that one is going to win I have a bridge that I would like to sell you… So, now we are left with 8 of them but I will not attempt to discredit them one by one, I’ll tell you instead which ones I think are capable of winning, you can then choose one of them and eliminate the rest.
   Like in the USA, in Italy there is a Left and a there is a Right. They like to call themselves Center-Left and Center-Right as not to be confused with extremists of either side; they believe that adding Center to their names somehow softens their views and actions. Let’s KISS that one and relate to mathematics where if the same value is on both sides of the equation you can probably ignore it. Similarly, we can just ditch Center from both of them and call them what they really are: LEFT and RIGHT.  I will also give you a little short cut: in the US and just about everywhere else, the RIGHT is usually for cutting taxes and the LEFT is for growing the Government. The Government in Italy does not need to grow one single millimeter: it is already the biggest government in all of Europe, actually it is even bigger than the US government, even though the US territory is 32.5 times larger than that of Italy and Italy’s population is less than 20% that of the USA.  
   This generous representation does not extend outside of the Italian borders though. In fact, for all of northern and central America (from Canada to the Panama Canal) we are only allowed three representatives, one for the Senate and two for the Camera (House of Representatives).

   Let’s KISS it a little more and give you a little background.  You may think that 9 parties is too much to handle, you would not think so if you lived in Italy where they need to choose from 94 (ninety-four) parties. That’s right, that’s how many symbols were deposited with the Ministry of Internal Affairs for this election. You can see them all on the Ministry’s web site. Because of this fragmentation, no political party in Italy is big enough to obtain a majority and thus rule the country. So election laws were modified time and time again to try to remedy the problem. You probably heard the one law that was named “Porcellum”  , named so because after going through several committees and pressures from various parties, the creator of the law himself after seeing the final iteration called it a “porcata”, and the name stuck.
   One way to solve the problem then is to form Coalitions, which group “similar ideals parties” and run them as one, hoping thus to obtain a majority (and even that is not guaranteed to work). Today we have two major coalitions, and, you guessed it: one from the RIGHT and one from the LEFT. The RIGHT comprises Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, and Noi con l’Italia. This coalition symbol has three horizontal bands, green, white and red, one on top of each other with the names Salvini, Berlusconi and Meloni across them. The uncertain element of this coalition is that Berlusconi cannot by law hold office again. Therefore if Forza Italia should be the predominant vote getter in the coalition it is not know who the coalition candidate would be; for sure it will not be Berlusconi.
   The LEFT comprises the PD and several other smaller parties from the left and the coalition symbol is simply PD, Partito Democratico, with no names on it, although, it is well known that their leader is Matteo Renzi. These two coalitions will face one strong party: “Movimento 5 Stelle”, the party founded by comedian populist Beppe Grillo, who will not be in a coalition but run by itself. They do not want anyone running with them and no one else wants to run with them either.
   But first, a little more history for you about the idiosyncrasies of the various election laws, “porcellum” and the like. Since 2011 there have been 4 governments, led in the order by Monti, Letta, Renzi and Gentiloni, none of whom were elected by the people but were appointed thanks to the screwy election law which, by the way, the Italian Supreme Court judged unconstitutional. The predominant party for the past 5 years has been the PD who has made a lot less progress than they claim to have made, taking credit for the improved economy in Italy without bothering to note that the economy has improved just about everywhere else in the world and to a much greater extent that it has in Italy.
   So, here you go, you have in my opinion three choices: RIGHT, LEFT and 5 STARS. You pick yours and whichever one you pick the most important thing is that you vote. Do not abstain simply because you are not sure, get informed, ask questions. If you ask me, which you are always welcomed to do, I will help you out and, in the meantime, I will give you my choices …and not even reluctantly.
   For my two Camera choices, first I’ll pick the incumbent Fucsia Nissoli Fitzgerald (New York area) who has done a great job in the past legislature and my second pick will be Vincenzo Arcobelli (Dallas) who has always done a terrific job in everything he has ever embarked on and truly deserves to represent us. For the Senato, my only choice and the only Senate candidate in the coalition who lives in Nord America is Paolo Cortellucci, a Canadian, entrepreneur, businessman and a philanthropist. The Coalition, you ask? The RIGHT one, of course, the one with Salvini, Berlusconi and Meloni. So, there you have it, the true quick KISS course in Italian politics, in my modest and learned opinion.
Franco Giannotti

FINALMENTE SI VOTA!
Miami, 31 gennaio 2018 - Dopo anni di Governi contestati e traballanti, finalmente siamo arrivati alla conclusione della legislatura e il Presidente della Repubblica ha indetto le elezioni per formare i nuovi Parlamenti.
  Gli italiani sono stanchi della politica che li ha governati negli ultimi anni e non vedono un gran futuro con le scelte discutibili degli ultimi Ministri, quindi si aspettano dei radicali cambiamenti, sia nei partiti al potere, sia nei delegati a legiferare.
  Tuttavia il pericolo maggiore rimane l’indifferenza e la scarsa voglia di dover andare a votare per dei partiti, non frutto di una logica evoluzione programmatica, ma solo risultato delle ambizioni personali dei soliti personaggi politici.
  Infatti, conoscendo la maggioranza dei candidati della ripartizione Nord e Centro America, ho individuato le tre motivazioni principali delle loro candidature, motivazioni che purtroppo molti di voi avranno notato anche in qualche eletto nei Comites:
  POTERE, non avendo ricoperto nella loro vita delle cariche importanti, sperano di poter prendere decisioni determinanti, una volta eletti al parlamento.
  AMBIZIONE, non essendo riconosciuti per le loro qualità intellettuali, sperano di affermarsi agli occhi del popolo, quando verranno chiamati “onorevoli”.
  DENARO, essendo in difficoltà finanziarie, credono di potersi sistemare con il ricco stipendio e con i privilegi della casta elettiva.
  Questo purtroppo non va bene e genera disaffezione e pessimismo, oltre ad una dilagata e inarrestabile confusione sugli obiettivi e sui ruoli.
  Quindi invito i connazionali non solo a partecipare attivamente alle votazioni, ma soprattutto a confrontare i programmi proposti dai vari partiti e i curricula dei candidati.
 
  È importante informarsi, sapere di più, e non fidarsi esclusivamente dei media che tendono a esaltare apparenze ed eloquenza a scapito di esperienza e conoscenza. Non scordate il disastro del recente referendum costituzionale, giustamente e pesantemente sconfitto dagli italiani in Patria, mentre gli italiani all’estero lo favorirono all’unanimità, frutto di una campagna mediatica mirata ai meno informati.
 
  Personalmente ho trovato serio e completo solo il programma del Centrodestra, che prevede meno tasse, più efficienza nello Stato, meno vincoli dall’Europa, più aiuto a chi ha bisogno, più sicurezza per tutti, più garanzie per ciascuno, più sostegno alla famiglia, più qualità nell’istruzione e nella sanità, più autonomie territoriali, più impegno nella cultura, nel turismo, nella tutela dell’ambiente e nei risparmi energetici.
  Invece ho trovato molta sensibilità sui diritti degli italiani residenti all’estero da diversi candidati anche in altre liste, ma purtroppo non da tutti; quindi attenzione a non farsi ingannare dalle solite dichiarazioni di chi non ha mai partecipato attivamente per migliorare la qualità della vita e i diritti di chi ha dovuto lasciare la nostra amata Italia.  Infine, diffidate di coloro i quali promettono troppo; le risorse non sono infinite e l’importante è che le cose migliorino sostanzialmente in Italia; qualche sacrificio possiamo pure continuare a farlo, purché alla fine il Paese si rimetta in sesto. Sorta di sentimento kennediano: chiediti cosa puoi fare tu per la Patria, piuttosto di cosa potrebbe fare la Patria per te!

Cesare Sassi



GIANNOTTI (FI USA): LETTERA APERTA AI RESIDENTI ITALIANI DEL MISSOURI
   02/01/2018 - 19.08 - ST. LOUIS\ aise\ - "Cari concittadini del Missouri, un caloroso augurio di fine anno e ancora un migliore anno nuovo a voi e ai vostri famigliari". Si apre così la lettera aperta ai connazionali italiani residenti nel Missouri, da parte di Franco Giannotti, coordinatore di Forza Italia proprio in quello Stato americano.
   Giannotti approfitta "del discorso di fine anno del presidente Matterella, che ci ha informato di aver sciolto le Camere in preparazione per la nuova legislatura che sarà eletta il prossimo marzo, per reiterare che ovviamente ci auguriamo e ci prodigheremo a far elegger un governo di centrodestra per il bene di tutti gli italiani, in Patria e nel mondo".
   "Spesso uno chiede cosa ha fatto la sinistra per gli italiani nel mondo", scrive Giannotti, "e altrettanto spesso cos’è che ha fatto o cosa potrà fare il centrodestra per noi, lontani dalla terra madre. Non molto in entrambi i casi, direbbero i critici e personalmente sono del parere che il nostro interesse dovrebbe rivolgersi agli italiani in Italia e all’Italia stessa, piuttosto che ai nostri bisogni e desideri, che, grazie alla provvidenza, siamo in grado di esaudire da noi stessi, senza l’aiuto esterno".
   "Vogliamo che la nuova legislatura sia capace soprattutto di rimettere in sesto i problemi che l’Italia ha accumulato in questi anni di malgoverno e, se ci riuscirà, sarà alla fine un bene acquisito anche per noi, italiani all’estero", sostiene Giannotti. "Il governo di sinistra ci ha provato ed ha avuto qualche successo, ma troppo poco e troppo tardi. La più clamorosa disfatta è stata la tentata riforma costituzionale la quale sconfitta ha, giustamente, portato le dimissioni dell’ex presidente Renzi. Una riforma così orribile e sconclusionata ha dimostrato l’incapacità di quel governo di fare ulteriori progressi ed è per questo che saremo chiamati alle urne questo marzo".
   "Tutti gli iscritti all’AIRE (l’anagrafe degli italiani all’estero) avranno la facoltà di votare e se ancora c’è qualche italiano che non è iscritto all’AIRE lo esortiamo a farlo al più presto possibile, scaricando e compilando l’apposito modulo dal sito internet del Consolato di Chicago", scrive ancora Giannotti, che consiglia di "votare per il partito che più ha la possibilità di unire il centrodestra e andare al governo, e cioè Forza Italia".
   Per il coordinatore di Forza Italia "non importa chi sarà il presidente a rappresentare la coalizione del centrodestra, l’importante è che la sinistra ed il centrosinistra siano messi in grado di non vincere".

   Quanto ai mass media, per Giannotti "sono spesso guidati da apparenze e non da fatti concreti; cercate di istruirvi e aumentare la vostra conoscenza sulle cose importanti".
   "La più sconcertante cosa che ho notato nel caso della riforma costituzionale è che gli italiani all’estero, di tutte le nazioni, e quindi il mondo intero all’infuori dell’Italia ha incredibilmente votato per il sì: un’evidente necessità di essere meglio informati", secodno il coordinatore di Forza Italia; "non commettete lo stesso errore questa volta, informatevi bene e informate coloro che non lo sono e, come sempre, non esitate a contattarmi e chiedere il mio aiuto sia per singoli che per associazioni che desiderano essere a conoscenza dei fatti", conclude Giannotti. (aise)
Franco Giannotti
Coordinatore Forza Italia
Missouri, USA
Franco@ForzaItaliaMissouri.com



PROIEZIONE IXE`, CENTRODESTRA A UN PASSO DALLA MAGGIORANZA ASSOLUTA DEI SEGGI

   Sabato 30 dicembre 2017 - Secolo d'Italia - Altro che inciucio, il centrodestra è vicino alla maggioranza assoluta alla Camera e da quella al Senato. È quanto risulta da una proiezione Ixè, effettuata su un sondaggio di qualche giorno fa (condotto per conto dell’Huffington Post) che indicava  il centrodestra in vantaggio. Sulla base di queste rilevazioni, la coalizione di centrodestra potrebbe affermarsi senza particolari problemi nelle regioni settentrionali del Paese. I maggiori ostacoli li avrebbe naturalmente nelle  regioni “rosse”, ma  poi tornare a volare nel Centrosud.

   Il risultato di queste proiezioni delle intenzioni di voto rapportate ai seggi, segnala che a FI, FdI e Lega mancherebbero solo  12 seggi per ottenere la maggioranza assoluta a Montecitorio e a pochissimi scranni per la maggioranza a Palazzo Madama. Insomma, con un buona campagna elettorale, il colpaccio è davvero a portata di mano


MESSAGE FROM THE COORDINATOR


  We are in the process of creating a
network troughout the State of Missouri to comprise people who are interested and passionate about doing something useful for our communities of Italians and Italian Americans abroad, consistent with the philosophies of the Italian center right movements. We are looking for a few people who want to make a difference: if you are interested in joining us toward this goal or recommend someone who could, please do not hesitate to contact me. Thank you.

Stiamo formando nello stato del Missouri una rete di persone interessate e passionali nel migliorare le nostre comunità italiane e italo americane all'estero, in sintonia con l’ideologia del centro destra italiano. Cerchiamo poche persone capaci di portare progetti a termine: se tu o qualcuno che conosci siete interessati, non esitare a contattarmi. Grazie.

Franco Giannotti
Forza Italia Coordinator
State of Missouri
FrancoGiannotti@ForzaItaliaMissouri.com


NISSOLI E DE MARTINI (FI) NOMINANO FRANCO GIANNOTTI COORDINATORE DI FORZA ITALIA DELLO STATO DEL MISSOURI

ROMA\ aise\
21/08/2017 - 14.44 - Nell’ambito della riorganizzazione di Forza Italia negli USA, l’onorevole Fucsia Nissoli (Coordinatrice Forza Italia Nord e Centro America) e Susy De Martini (Coordinatrice Forza Italia USA) hanno nominato Franco Giannotti coordinatore di Forza Italia dello Stato del Missouri, nella prospettiva del rilancio dell’attività del partito in tale Stato degli USA.
Giannotti, presidente di una società di informatica e telecomunicazioni, è molto attivo tra la Comunità italiana: infatti, ha organizzato corsi di lingua italiana a St. Louis ed è fondatore e presidente dell’associazione “Italiano per piacere”, oltre che essere responsabile della Commissione Informazione e Comunicazione del Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo dell’America del Nord ed essere stato presidente di UNICO National, St. Louis Chapter.
“Con l’aggiunta di Giannotti alla schiera dei coordinatori già attivi sul territorio americano – affermano Nissoli e De Martini – Forza Italia si va sempre più radicando anche nei territori del Midwest degli Stati Uniti d'America per tessere quella rete di rapporti fondamentali non solo per il sostegno alla nostra Comunità in USA ma anche per l’affermazione del nostro Sistema-Paese e, pertanto, esprimiamo al neocoordinatore i nostri auguri per un proficuo lavoro”. (aise)


POLITICHE 2018, RITORNO AL FUTURO CON BERLUSCONI PROTAGONISTA
I sondaggi gli danno ragione: la maggioranza del popolo italiano è liberale e moderata e soltanto Berlusconi può far dimenticare le spinte ribelliste dei suoi alleati


di Sen. Vittorio Pessina* - domenica 19 novembre 2017 - ITALIA CHIAMA ITALIA -
   Il presidente Silvio Berlusconi
   Serio al momento giusto, ha saputo catturare l’attenzione dei telespettatori anche con la leggerezza di battute e provocazioni, tra le quali l’ironica riedizione del “credere obbedire combattere” di storica memoria.
   Rinvigorito nel fisico e nell’animo dopo i successi elettorali (e le rivalse domestiche), il presidente Berlusconi ha ritrovato la verve e l’ottimismo; la dimestichezza col mezzo televisivo lo rende poi protagonista assoluto di tutte le trasmissioni a cui partecipa e gli procura la simpatia e l’ammirazione anche degli avversari politici.
   Durante la sua partecipazione a Porta a Porta lo share si è impennato
*responsabile nazionale del dipartimento Italiani all’estero di Forza Italia
torna a Porta a Porta e come sempre buca lo schermo. Tutt’altro che “smacchiato”, anzi perfettamente in forma, elegante, spiritoso, sicuro di sé, il giaguaro è tornato l’altro ieri nel salotto televisivo di Bruno Vespa a mostrare la sua rinnovata voglia di combattere. nonostante l’ora tarda e tutti abbiamo capito che non può esistere un altro leader del centrodestra, perché nessuno è capace come lui di raccogliere voti e convogliarli su Forza Italia. Del resto, i sondaggi gli danno ragione: la maggioranza del popolo italiano è liberale e moderata e soltanto lui può far dimenticare le spinte ribelliste dei suoi alleati. Che Strasburgo dica di sì o dica di no, caro Presidente, la campagna elettorale sarà tutta tua alla grande, a dispetto degli anni e dei menagramo che ti vogliono politicamente morto. In confronto a te, gli altri sono comparse.





HIGHLIGHTS

Comitato Tricolore per gli Italiani nel Mondo
CTIM -  Nord America


Politiche 2018
Coalizione di Centrodestra



Center Right Italian Political Party




WEB SITE
ITALIAN RADIO PROGRAM
FACEBOOK


Submit your book for a free listing
Titles that every Italian-American library should be proud to own

Great exposure
Great exposure, large targeted audience
reasonable prices

Click on logo for cities, dates and titles

Views and selections
by an authoritative
Italia
n American

Elected Italian Representatives to the USA
Visitate il portale COMITES

Great exposure, large targeted audience
Great Value and Exposure

Storia d'Italia a cura di Luisa Gabbiani Flynn
From the very beginning...

Co son lontan de ti...
Una bellissima città...

By far one of the best sites on the net.  Enjoy it.
Great genealogy site
Send MailWrite to the management of this portal

Visitor #: 

Make this your Home Page!


AGENZIE STAMPA
ITALIANE


Italian News Agency











PESSINA (FI): INVITO GLI ITALIANI NEL MONDO A DARE FIDUCIA A BERLUSCONI
   ROMA\ aise\ 20/02/2018 - “Ancora in questi giorni i nostri connazionali all'estero stanno ricevendo a casa le schede elettorali per il voto alle politiche. I candidati di Forza Italia nelle quattro ripartizioni estere sono uomini e donne competenti che hanno dimostrato con il loro percorso umano, culturale e politico di essere le persone adatte ad aspirare a un prestigioso incarico parlamentare come quello di rappresentante degli italiani nel mondo”. Così in una nota dichiara Vittorio Pessina, responsabile nazionale del dipartimento Italiani all’estero di Forza Italia.
   “Come coordinatore del dipartimento nazionale Italiani all'estero di Forza Italia mi sono impegnato per ridare energia e vigore al partito all'estero malgrado le difficoltà ormai superate della fase iniziale”, aggiunge Pessina che quindi invita gli italiani nel mondo “a dare ancora fiducia al presidente Berlusconi, che si è speso in prima persona da mesi per presentare ai cittadini italiani di tutto il mondo il suo programma economico e sociale tutto teso a superare la crisi di questi anni e favorire la ripresa”.
   “Con al governo Forza Italia non avremo più giovani costretti a cercare lavoro all'estero né anziani umiliati con pensioni da fame. Votare per Berlusconi – conclude Pessina - significa, per i nostri giovani, ritrovare la speranza di realizzare i propri sogni e per i nostri anziani poter condurre una vita serena e decorosa”. (aise) 


POLITICHE 2018: VOTA NISSOLI



L'On. Fucsia Fitzgerald Nissoli fornisce agli italiani all'estero informazioni utili per il voto


In una lettera diffusa ai mass-media ed inviata agli italiani all’estero della sua Circoscrizione elettorale, il Centro-Nord America, l’On. Fucsia Fitzgerald Nissoli, candidata nelle liste di Forza Italia, fornisce le ultime valide informazioni idonee per poter esprimere il proprio voto senza il timore che questo, per un qualsivoglia motivo, possa essere invalidato.

ESTRATTI INTERVENTI IN PARLAMENTO DELL'ON. FUCSIA NISSOLI





dall'Italia
(Click on titles)
da "Il Punto" di Marco Zacchera


VOTO USA E CENTRO-NORDAMERICA: FORZA VINCENZO!
Pochi italiani lo sanno, ma gli unici parlamentari che saranno eletti con i voti di preferenza e quindi dovranno raccogliere “sul campo” i propri voti saranno quelli eletti all’estero.
   Per questo segnalo ai lettori nordamericani che per la lista unitaria di centro-destra (che unisce Forza Italia – Lega Nord e Fratelli d’Italia) si candida alla Camera - su indicazione di Fratelli d’Italia - VINCENZO ARCOBELLI, un caro amico che si è guadagnato la stima di molti connazionali.
   Catanese, prima paracadutista della Folgore e poi ufficiale dell’aeronautica militare si è trasferito negli USA  da 25 anni, proseguendo la carriera di pilota di linea e poi comandante istruttore. Da sempre si è impegnato per gli italiani nel mondo, è stato per 11 anni presidente del COMITES di Houston e da alcuni anni è componente del CGIE, il Consiglio Generale degli Italiani all'Estero, organizzando innumerevoli attività di promozione italiana in USA ed in Nord America.
Dallo scorso anno è anche presidente del CTIM (Comitato Tricolore degli Italiani nel Mondo) fondato da Mirko Tremaglia.
   Lo segnalo perché è un amico vero e persona di valore, sperando che questa volta riesca ad entrare alla Camera dei Deputati, perché ne ha le capacità e soprattutto se lo merita.
    Con lui - ma per il Senato - si candida sempre nella lista unita di centro-destra l’abruzzese  MARIO CORTELLUCCI, emigrato da ragazzo in Canada nel 1962 ed ora importante ed affermato imprenditore di Toronto che per le sue attività filantropiche anche in occasione del terremoto che colpì l’Aquila, ha ricevuto varie onorificenze italiane e canadesi.

ADIOS DEMOCRAZIA

  Quando, finite le polemiche, martedì saranno definitive e presentate  le candidature per le elezioni del 4 marzo  ci renderemo conto ancor più chiaramente di come questa legge elettorale abbia mortificato le possibilità di scelta degli italiani.
   Nessuno cittadino normale è stato minimamente interpellato per dire la sua nella nomina dei candidati alle elezioni neppure nei collegi uninominali (salvo il confuso e riservato sondaggio on line per gli iscritti 5 Stelle), da soli  i leader hanno scelto il nuovo parlamento, nessuno potrà scindere il proprio voto scegliendo persone ritenute più o meno valide rispetto ad una scelta politica: tutto deciso, tutto già scritto.
   I big dei partiti hanno deciso a tavolino la propria fetta di potere eliminando il dissenso, e forse solo questa è la soluzione del mistero del perché Matteo Renzi sia stato così miope da scegliere e volere una legge elettorale che con ogni probabilità condannerà il PD alla sconfitta.       Altrimenti resterà appunto un mistero, salvo il dubbio che il soggetto fosse davvero un egocentrico megalomane o sia recentemente impazzito.
   Forse un po’ tutti e due, peccato che nel frattempo l’Italia diventerà probabilmente ingovernabile o – se ci sarà una maggioranza – sarà composta da yesmen e “yesgirls” (rigorosamente il 40%), altra follia con candidate promosse d’ufficio -  indipendentemente dai meriti - pur di far quadrare i conti “di genere”.
   Democrazia? Direbbe Totò “Ma fatemi il piacere...”

NUMERI
   “L’Italia è fuori dalla crisi” è il ritornello che il PD e compari (non si può più scrivere “compagni”) ripetono a reti unificate, ma a Davos i numeri parlano chiaro: il mondo l’anno scorso è globalmente  “progredito” in campo economico del 4%, ma l’Europa solo del 2% e l’Italia – buon ultima – di circa l’1%.
   In realtà il mondo non è progredito per nulla: la ricchezza sta nelle mani di pochi e ogni anno ci sono centinaia di milioni di nuovi poveri. Secondo voi “progredisce” un mondo in cui meno dell’1% della popolazione detiene la gran parte delle ricchezze e ne accumula sempre di più?
   Tornando all’Italia (dove siamo più equilibrati, ma comunque con il 20% di italiani che detengono il 66% delle ricchezze del paese) si dirà che il piccolo incremento del PIL nel 2017 è meglio di niente, ma la crescita italiana è minima ed è stata soprattutto legata a due fattori che stanno velocemente evaporando: basso costo del petrolio (che però sta già impennandosi) e tassi di interesse tendenti a zero grazie alla politica della BCE.
   Appena saliranno il costo del denaro e del petrolio il mostruoso deficit italiano sarà ben più pesante da sopportare facendo ripiombare il paese nella crisi, chiunque comandi.
   Il governo PD & C. ha quindi buttato via un quinquennio di incredibili vantaggi globali con risultati economici mediocri e pochissime riforme strutturali.
   “Non fermate le riforme” è infatti l’altro piagnisteo che quotidianamente ci viene fatto rimbombare nella testa : di grazie, quali riforme?
   A parte lo Jobs Act che non ha creato lavoro vero, quali sono state le “grandi riforme” di questi anni intendendo riforme strutturali serie, non quelle lessicali o al codice civile (tra l’altro spesso opinabili)?.
   Ogni lettore puo’ rispondersi da sé, ma per l’anno prossimo è comunque già prevista una riduzione del tasso di incremento del PIL italiano segno che dietro la  presunta “ripresina” non c’è sostanza: al di là delle chiacchiere elettorali siamo fermi, questa è la sconsolante realtà.
 
FIGURACCIA EUROPEA
  Questa settimana Milano e l’Italia hanno perso una battaglia che si doveva e si poteva vincere e questa sconfitta ci costerà almeno 2 miliardi l’anno, l’equivalente di mezza finanziaria o – se preferite – quasi 10 VOLTE i fondi stanziati quest’anno dal governo per incentivare l’occupazione giovanile.
   “Per sorteggio”, infatti, è stata scelta Amsterdam e non Milano come sede dell’Agenzia europea del farmaco con il  relativo indotto.
Sparita in poche ore la notizia dalle cronache si è molto parlato di “sfortuna” dimenticando che sarebbe bastato arrivare al momento della scelta con 13 paesi favorevoli  su 26 (il nostro voto sarebbe stato  il 14°) ad evitare il sorteggio.
  Non è stata quindi “sfortuna” ma soprattutto INCAPACITA’ a contare qualcosa in Europa e di un ennesimo, evidente FALLIMENTO della nostra politica estera.
  Se si è cacciato Tavecchio per una partita di calcio non sarebbe giusto allora chiedere e soprattutto ottenere le dimissioni dei responsabili – a cominciare dal ministro degli esteri Angelino Alfano – di una politica europea semplicemente fallimentare? Può bastare che dichiari il proprio “amaro in bocca” tale sottosegretario Sandro Gozi, quello che si dovrebbe occupare di Europa? (Il ministro per gli affari europei non c’è più, anche questo è indicativo).
  Anche perché c’è stata pure la beffa: Milano aveva un punteggio più alto di Amsterdam e non si capisce come abbia potuto perdere se il “dossier tecnico” era vincente. A parte il fatto che è demenziale che un continente sia governato in questo modo e dove le simpatie o antipatie politiche contano di più degli aspetti strutturali, tutto ciò significa che c’è stato il rifiuto “politico” verso l’Italia e il fallimento della nostra diplomazia.
  D'altronde non si può litigare da anni con mezzo continente sull’immigrazione e poi lamentarsi se gli stati dell’Est non ti votano, non si possono  perdere gli alleati per strada, non si può più tenere una inutile “ministra” Mogherini a Bruxelles a fare proprio la “ministro degli esteri” della UE se poi non è capace neppure di difendere il proprio paese, non si possono irridere le indicazioni economiche sul deficit pubblico italiano e così irritare Bruxelles proprio alla vigilia del voto!     Ma queste cose non le vede nessuno ??!!
  Eppure in neppure 24 ore la notizia è letteralmente sparita, rimossa, dimenticata dai media così come si sono volatilizzati gli oltre 2 miliardi l’anno che – oltretutto - si tiravano dietro centinaia di nuovi posti di lavoro qualificato e non precario.
  Ma tutto va bene, siamo solo “sfortunati”




UNA LEGISLATURA SPRECATA
 Se facciamo una sintesi onesta di cinque anni di governi di centro-sinistra credo che non tutto vada male, ma che il nostro paese non ha approfittato della ripresa mondiale ed ha buttato via un periodo economico particolarmente favorevole.
  Oggi ci deliziano con un mini aumento del PIL, ma non ci sono state riforme strutturali, continuano i drammi per le incertezze pensionistiche, non si è avviato un vero piano-lavoro per i giovani salvo moltiplicare il precariato. Sono state fatte alcune leggi demagogiche e di facciata, ma non di sostanza o per risparmi strutturali.
  Il sistema giudiziario non funziona meglio, l’amministrazione pubblica non è più efficiente né costa di meno. La corruzione è evidente, i controlli sulle banche non ci sono stati e a perderci sono stati i risparmiatori, non le banche. Intanto l’immigrazione è esplosa nonostante una enorme disoccupazione interna soprattutto giovanile e  indubbiamente contiamo meno in Europa. 
  I grandi gruppi hanno guadagnato sempre di più (autostrade, assicurazioni, petrolieri), molti italiani sono finiti ben sotto la soglia di povertà, il paese non è più “moderno” di prima, oltre 100.000 giovani ogni anno scappano dall’Italia, abbiamo venduto all’estero le migliori aziende e marchi del paese oltre a quote significative delle aziende di stato e quindi siamo tutti più poveri.
  Adesso - per tentare un rattoppo politico a sinistra - si vuole anche approvare la legge dello “jus soli”, ma la sostanza è che è trascorso un quinquennio dove la sinistra  (grazie ad una legge elettorale dichiarata poi incostituzionale!)  ha avuto una larga maggioranza alla Camera e anche al Senato – qui grazie a un gruppo di faccendieri trasmigrati con loro – ma non ha risolto i problemi del paese, né avviato riforme importanti.
  La crisi dell’Italia calcistica è insomma lo specchio della crisi del paese.
  Non so se il centro-destra sarà capace di fare meglio, so che questi hanno sostanzialmente fallito.
  E’ un po' come il film  “La grande bellezza” di un monto politico  che balla sulla tolda del Titanic e non vogliamo rendercene conto, forse e soprattutto perché non vogliono che gli italiani se ne accorgano.

ITALIANI ALL'ESTERO - LA FUGA DEI CERVELLI

  Nel 2016 ben 124.076 italiani sono ufficialmente emigrati all'estero, quasi tutti alla ricerca di un lavoro. Ad essi se ne aggiungono decine di migliaia emigrati di fatto, ma senza trasferimento ufficiale della residenza. Di essi il 39% sono giovani tra i 18 e 34 anni, con un aumento del 23% sull'anno precedente.
  Ragazzi e ragazze per i quali l'Italia ha pagato la formazione, il mantenimento, gli studi (moltissimi sono diplomati e laureati) ma che - al momento buono per entrare nel ciclo produttivo – non trovano lavoro e - da persone evidentemente di buona volontà - sono dovuti andati a cercarselo altrove.
  Una catastrofe economica per i costi sostenti, ma è indegno che mentre ci affrettiamo ad accogliere centinaia di migliaia di migranti non si faccia NULLA (per esempio non c'è alcun stanziamento per loro nella decantata legge finanziaria) per trattenerli in Italia e investire su di loro. Non ci sono concrete opportunità di intraprendere, non ci sono prestiti d'onore, nessuna banca concede finanziamenti senza adeguate "garanzie" ...e così il meglio se ne va.
  Ma come un può un paese spendere ogni mese più di 1.500 euro per ciascun immigrato clandestino e subire contemporaneamente una emorragia di cervelli così evidente?
  Eppure  non si fa  nulla per tentare di arginare il problema: è  autolesionismo puro nei confronti delle nuove generazioni.


RENZI E’ DAVVERO UN CLOWN

  Credo che poche frasi di Renzi abbiano irritato di più gli italiani che seguono - per necessità o per virtù -  le vicende bancarie. Sostenere che “tra banche e cittadini, noi stiamo dalla parte della difesa dei risparmiatori” suona bestemmia per quanto si è visto negli ultimi anni sotto il suo governo che ha lasciato sul lastrico centinaia di migliaia di piccoli risparmiatori.
  E’ blasfemo che Renzi sostenga oggi (ma tutti hanno capito che sono davvero battute da clown, versione più gentile di pagliaccio) che il suo governo abbia difeso azionisti e correntisti dalla grande truffa bancaria di questi anni ed è puerile e vergognoso da parte di Renzi, Boschi & Compagnia farsi ora indesiderati difensori d’ufficio di chi hanno contribuito a rovinare. 
  Siccome gli artisti si replicano anche nell’opera buffa, che senso ha poi il dire – DOPO i referendum lombardo-veneti, non prima! – che bisognerebbe devolvere alle regioni 30 MILIARDI di imposte l’anno quando fino a ieri - stando al governo - Renzi non è stato capace di devolvere e risparmiare un euro?
  Che senso hanno queste smargiassate, promesse non mantenute, queste sue continue cadute di credibilità? Una persona intelligente (?) come Matteo Renzi pensa davvero che la gente – disillusa – creda ancora a quello che dice, anche se è così ampiamente ripreso e leccato dai media? Il personaggio lo si è misurato anche da queste affermazioni demagogiche che mi auguro siano lette, ascoltate, recepite e soprattutto ricordate.
  D'altronde Renzi sostiene anche che IL PD con lui andrà al 40%, un po’ come Berlusconi che giura che Forza Italia trionferà e sarà il primo partito.
  Auguri a tutti, ma mi auguro solo che alla fine i due compari non si accordino proprio per sostenersi a vicenda come invece tempo succederà.


POLITICHE ITALIANE

ELEZIONI 24 & 25 FEBBRAIO 2013VAI ALLA PAGINA ELEZIONI

Great exposure, large targeted audience